Falò
Falò
Palazzo di città

Falò di San Giuseppe, il Comune stabilisce regole e divieti

Ordinanza della sindaca Rosa Melodia per ragioni di sicurezza

Regole e divieti per l'accensione dei falò di San Giuseppe. E' ciò che prevede un'ordinanza della sindaca Rosa Melodia, con la finalità di garantire la salute pubblica impedendo la combustione di materiali nocivi. Nel complesso accendere le "fanove" diventa un po' più complicato, sempre per ragioni di pubblica sicurezza.

Il provvedimento, infatti, stabilisce soprattutto che "il falò dovrà bruciare soltanto legna di essenze arboree naturali non trattate, con esclusione quindi di materiali plastici o chimici inquinanti, pneumatici o combustibili liquidi".

Ma viene sancita anche l'osservanza del testo unico delle leggi per la pubblica sicurezza e pertanto accendere liberamente i falò non è più così scontato, dal momento che il primo articolo dell'ordinanza prevede : "L'accensione del falò deve avvenire nel rispetto delle normative di legge ed in particolar modo ai sensi dell'art. 57 del TULPS ed assoggettata a specifica autorizzazione".

Altre disposizioni riguardano la modalità di accensione. Pertanto "la legna non dovrà essere posizionata in verticale ma adagiata I'una sull'altra con una inclinazione tale da evitarne Ia caduta o l'accidentale rotolamento" e "il falò non dovrà essere superiore all'altezza massima da terra di metri 2 ed avere una circonferenza massima di mt. 2". Ovviamente "l'accensione del falò e l'alimentazione dello stesso dovrà avvenire in modo graduale e controllato" e questo è piuttosto ovvio.

Inoltre "è vietata l'accensione dei falò sulle sedi stradali, nel caso di sedime bituminato o lastricato lo stesso dovrà essere opportunamente protetto con adeguato strato di sabbia atto ad evitare danni da calore al manto stesso". Vietato accendere falò in caso di forte vento. L'area destinata al falò "dovrà essere delimitata da apposito transennamento ad una distanza minima di mt. 2 dal limite per tutta Ia sua circonferenza". Altre disposizioni riguardano la bonifica dei luoghi e lo spegnimento sicuro, la presenza di una squadra di vigilanza, la predisposizione di vie di fuga. Infine "deve essere evitata l'eccessiva vicinanza alle abitazioni per possibile di scorie incandescenti sui fabbricati".
  • Ordinanza
  • Falò
  • San Giuseppe
Altri contenuti a tema
1 Niente giostre per questo fine settimana Niente giostre per questo fine settimana Annullate tutte le manifestazioni collaterali alla festa del Buoncammino
Trasporto pubblico, mezzi possono viaggiare a piena capienza Trasporto pubblico, mezzi possono viaggiare a piena capienza A partire dall'1 luglio per effetto di un'ordinanza della Regione
Fase 2: riaprono negozi, alberghi e parrucchieri Fase 2: riaprono negozi, alberghi e parrucchieri Pubblicata l'ordinanza sulle attività produttive ed economiche
Ripartono i centri benessere e le attività di tatuaggio Ripartono i centri benessere e le attività di tatuaggio Ordinanza della Regione Puglia
Inizia la fase 2, riaprono le aree pubbliche Inizia la fase 2, riaprono le aree pubbliche Obbligo di mascherina ed evitare assembramenti
Attività commerciali chiuse di domenica e nei festivi Attività commerciali chiuse di domenica e nei festivi Nuova ordinanza. Restano sospesi i mercati
Per San Giuseppe solo la messa a porte chiuse Per San Giuseppe solo la messa a porte chiuse Tutto fermo per il coronavirus. I falò sono vietati
Lavori in corso, ordinanza di chiusura per una scuola primaria Lavori in corso, ordinanza di chiusura per una scuola primaria Il provvedimento riguarda plesso "Viti Maino"
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.