protesta scuola
protesta scuola
Territorio

Buonascuola: in Puglia uno su quattro rinuncia

Sindacati sul piede di guerra

Sono stati in 6.040, secondo i dati ufficiali del Miur, i docenti precari pugliesi che hanno presentato domanda di assunzione nel sistema scolastico italiano accettando quello che dalla Cgil tacciano senza mezzi termini come "ricatto bello e buono". In pratica un docente su quattro ha detto no alla riforma "Buona Scuola" e ha rifiutato di presentare la propria candidatura per evitare di essere trasferito chissà dove e chissà per quanto tempo.

Secondo la Cgil regionale circa il 30 per cento dei docenti aventi diritto ha rinunciato "alla lotteria della 'Buona scuola', visto che il governo purtroppo ha scelto di trasformare un'opportunità lavorativa in un ricatto".
Non un flop, ma neppure un successo. La promessa di assunzione a tempo indeterminato a patto di essere disposti ad accettare cattedre in qualsiasi parte d'Italia, non ha convinto gli insegnanti pugliesi, ma, a giudicare dal clima di protesta delle settimane precedenti all'approvazione della riforma, si registra comunque un numero discreto di adesioni.
"Nei prossimi giorni - spiega Ezio Falco, segretario provinciale barese Flc Cgil - avremo dati più precisi. Non è neppure detto, però, che andare fuori garantisca un posto. Sul nazionale concorrono tutti e ci sono alcune tipologie di insegnamento per cui è difficile trovare una cattedra: ad esempio la situazione è complicata per le scuole d'infanzia, per i docenti di diritto ed economia e per gli insegnanti di educazione musicale. I numeri emersi fino ad ora sono un po' l'effetto ricattatorio del piano nazionale. Viene offerto un posto di lavoro random in Italia e viene detto prendere o lasciare".

I più propensi a presentare richiesta sono i docenti indietro nelle graduatorie che sperano, approfittando delle perplessità dei colleghi che li precedono di bruciare terreno e recuperare un posto vicino casa. Più complicata la situazione dei docenti tra i 40 e 50 anni, molti con famiglia, che tuttavia per non perdere gli anni accumulati hanno presentato domanda.
I sindacati promettono di mantenere alta l'attenzione su quella che oltre ad essere un riforma "pasticciata" temono si trasformi in una questione sociale.
  • Sindacati
  • Riforma buona scuola
Altri contenuti a tema
Buona Scuola, Pisicchio: "Attivare tavolo con parlamentari e sindacati" Buona Scuola, Pisicchio: "Attivare tavolo con parlamentari e sindacati" La nota del presidente della VI Commissione Scuola nonché consigliere regionale de "La Puglia con Emiliano"
La Giunta sostiene la mozione della Regione Puglia "La Buona Scuola" La Giunta sostiene la mozione della Regione Puglia "La Buona Scuola" No all'esodo dei docenti pugliesi
Vertenza Natuzzi, no ai licenziamenti Vertenza Natuzzi, no ai licenziamenti Apriamo una vera vertenza per salvare 365 licenziamenti
Buona scuola, 3511 precari resteranno in Puglia Buona scuola, 3511 precari resteranno in Puglia I dati forniti dalla deputata Lilliana Ventricelli
Buona scuola, arriva il ricorso della giunta regionale Buona scuola, arriva il ricorso della giunta regionale Sotto accusa il dimensionamento scolastico. Soddisfatti i cinque stelle
Buona scuola, al via il presidio cinque stelle Buona scuola, al via il presidio cinque stelle Niente incarico all'Avvocatura regionale
Buona scuola, Cinque stelle agguerriti Buona scuola, Cinque stelle agguerriti I consiglieri regionali incalzano l'Avvocatura per il ricorso
Buona scuola: la protesta dei "deportati" Buona scuola: la protesta dei "deportati" Raccolta firme per chiedere l'abrogazione della legge
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.