rifiuti Parco Alta Murgia
rifiuti Parco Alta Murgia
Territorio

Alta Murgia Pulita: continua campagna di bonifiche

Rimossi dalla Grava di Faraualla oltre 100 kg di rottami di auto abbandonate

Continua "Alta Murgia Pulita" contro l'abbandono dei rifiuti nel Parco. Ai cittadini scesi in campo con lo slogan "Raccogli rifiuti. Semina civiltà" e alla raccolta di 40mila kg di pneumatici fuori uso è seguita oggi una terza fase dell'iniziativa, con la rimozione di rottami di auto abbandonate. dalla Grava di Faraualla, in territorio di Gravina.

La straordinaria operazione ha visto insieme il Soccorso Alpino e Speleologico e l'11° Reggimento Genio Guastatori della Brigata "Pinerolo", al lavoro da mesi nell'ambito di un'attività addestrativa per definire le procedure operative e le tecniche sperimentali di rimozione. Dall'importante inghiottitoio è stato recuperato un big bag contenente oltre 100 kg di rottami, un'operazione complessa data la profondità del sito e la sua conformazione, che non presenta un'unica verticale.

«Abbiamo ridato nuova vita a uno dei luoghi più affascinanti d'Italia – dichiara Francesco Tarantini, presidente del Parco -. Con l'avvio della bonifica di Faraualla si chiude una speciale edizione di Alta Murgia Pulita che ha previsto tre fasi: dalla tradizionale raccolta di rifiuti al recupero straordinario di 40mila kg di PFU, fino all'operazione odierna di non poca complessità. Ringrazio l'Esercito e il Soccorso Alpino e Speleologico per l'importante contributo a tutela del patrimonio geologico del Parco. Alta Murgia Pulita riprenderà la sua opera di sensibilizzazione nei prossimi mesi, per rendere migliore l'ambiente che ci ospita».

La Grava di Faraualla è un abisso sull'Alta Murgia, uno dei più imponenti fenomeni ipogei presenti in Puglia. È un inghiottitoio profondo 260 metri e situato nel territorio di Gravina, ricco di depressioni in cui confluiscono le acque piovane raccolte dalle lame. Sviluppandosi in verticale, nella discesa si incontrano un primo e secondo pozzo rispettivamente di 149 e 53 metri, raggiungendo rapidamente i 200 metri di profondità. La prima esplorazione risale al 1956, ma è solo nel 2011 che si toccano i 260 metri con l'apertura di una nuova galleria che conduce al fondo attuale.

Molteplici le associazioni speleologiche che l'hanno esplorata negli anni, a partire nel 1956 dalla Commissione Grotte "E. Boegan" di Trieste. Importanti anche le campagne da parte degli speleologi di Foggia e del Cars di Altamura che hanno permesso di esplorare nuovi ambienti e diramazioni dell'abisso.
7 fotorifiuti Parco Alta Murgia
rifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgiarifiuti Parco Alta Murgia
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
1 Nuove fototrappole nel Parco dell'Alta Murgia Nuove fototrappole nel Parco dell'Alta Murgia L'abbandono dei rifiuti è una piaga che non risparmia nemmeno le grotte
Abbattimento manufatti abusivi nel Parco dell’Alta Murgia, firma protocollo tra istituzioni Abbattimento manufatti abusivi nel Parco dell’Alta Murgia, firma protocollo tra istituzioni Duplice obiettivo: accelerare procedure di demolizione e prevenire nuove costruzioni illecite
Contrasto agli abusi edilizi e all'abbandono dei rifiuti Contrasto agli abusi edilizi e all'abbandono dei rifiuti Le azioni del Parco nazionale dell'Alta Murgia in sinergia con la Procura e con i Comuni
Geoparco Unesco, si attende la commissione di valutazione Geoparco Unesco, si attende la commissione di valutazione Parco dell'Alta Murgia vara il bando "GeoEventi"
1 Parco Alta Murgia: diminuiti gli incendi boschivi Parco Alta Murgia: diminuiti gli incendi boschivi Invece aumentano i pascoli bruciati dalle fiamme
Candidatura Geoparco Unesco, il Parco ci crede Candidatura Geoparco Unesco, il Parco ci crede A settembre la visita della commissione di valutazione ad Altamura e nell'Alta Murgia
Parco dell'Alta Murgia, inizia la campagna antincendio boschivo Parco dell'Alta Murgia, inizia la campagna antincendio boschivo Coinvolto quest’anno anche l’Esercito Italiano, oltre agli agricoltori e alle associazioni
“Apiari aperti” nel Parco dell’Alta Murgia “Apiari aperti” nel Parco dell’Alta Murgia Un’immersione nel mondo delle api tra laboratori, degustazioni, passeggiate botaniche e apiterapia
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.