Uomo di Altamura
Uomo di Altamura
Eventi e cultura

Ai raggi x i denti dell'Uomo di Altamura

Pubblicati i risultati di uno studio condotto nella grotta di Lamalunga

La ricerca scientifica punta nuovamente i riflettori sull'Uomo di Altamura, il più completo scheletro di Neanderthal mai scoperto e uno fra i più antichi, risalente a circa 150mila anni fa.

Rinvenuto nel 1993 in Puglia, nelle profondità della grotta carsica di Lamalunga in Alta Murgia, è tuttora imprigionato nella roccia a diversi metri di profondità, coperto di incrostazioni calcaree che ne rendono difficile l'osservazione. L'eccezionale reperto, testimonianza di un uomo preistorico precipitato in un pozzo naturale dove morì di stenti, è di fondamentale importanza per i ricercatori. È stato oggetto di un progetto di ricerca finanziato dal Ministero dell'Università e della Ricerca (MUR) e autorizzato dalla competente Soprintendenza Archeologica, che ha permesso una serie di indagini scientifiche condotte negli ultimi anni (2017-2020), i cui risultati iniziano ora a essere pubblicati su riviste internazionali.

Lo studio appena pubblicato su PLOS ONE si è occupato dei denti del Neanderthal di Altamura e del suo "apparato di masticazione" (mascella e mandibola). Lo hanno realizzato insieme l'Università di Firenze, la Sapienza Università di Roma e l'Università di Pisa ["In situ observations on the dentition and the oral cavity of the Neanderthal skeleton from Altamura (Italy)" https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0241713]. I responsabili delle unità operative – che hanno operato in condizioni molto difficili - sono stati Jacopo Moggi Cecchi, antropologo dell'Ateneo fiorentino, Damiano Marchi (Università di Pisa) e Giorgio Manzi (Sapienza Università di Roma), che è anche il coordinatore del progetto complessivo del MUR.

Il gruppo di ricerca ha condotto una serie di osservazioni e rilevamenti sul posto, calandosi all'interno della grotta. "Grazie all'ausilio di sonde videoscopiche ad alta risoluzione (che dobbiamo alla collaborazione della Olympus Europa) – spiega Jacopo Moggi Cecchi - siamo riusciti a osservare le caratteristiche della dentatura e delle ossa mascellari, ottenendo nuove informazioni sull'età e lo stato di salute e confermando la presenza di caratteri tipici dei Neanderthal".

"La presenza del terzo molare (il "dente del giudizio") e il grado di usura masticatoria indicano un individuo adulto, piuttosto avanti negli anni, ma non anziano. L'uomo doveva aver avuto qualche problema di salute; è stata infatti osservata la perdita di due denti prima della morte: uno lo aveva perso da diversi anni, l'altro in tempi successivi – aggiunge Giorgio Manzi -. È una delle rare volte nelle quali si osservano queste circostanze in un Neanderthal, visto che nella preistoria antica l'incidenza di problemi dentari era molto bassa".

"Abbiamo anche effettuato – spiega Damiano Marchi responsabile del gruppo di ricerca dell'Università di Pisa di cui fa parte anche il professor Giovanni Boschian – una radiografia dei denti anteriori, utilizzando per la prima volta a questo scopo un apparecchio a raggi X portatile KaVo NOMAD Pro 2. In questo modo abbiamo così individuato una lesione nell'osso, alla base di un incisivo, che potrebbe essere dovuta a una forte stress non riconducibile all'alimentazione".

Lo studio è stato effettuato nel corso del progetto "Karst", un Prin (progetto di rilevante interesse nazionale) finanziato dal Ministero della ricerca, durato tre anni e concluso. Ora sono iniziate le pubblicazioni dei risultati.
  • Uomo di Altamura
Altri contenuti a tema
Riapre la rete museale dell'Uomo di Altamura: giorni di visita, orari e numeri di telefono fino a venerdì 31 dicembre Riapre la rete museale dell'Uomo di Altamura: giorni di visita, orari e numeri di telefono
Riapre il museo archeologico Riapre il museo archeologico La cultura è uno dei settori più colpiti dall'emergenza Covid-19
I tesori di Altamura in tv con Mario Tozzi I tesori di Altamura in tv con Mario Tozzi Per la puntata di "Sapiens" oltre un milione di telespettatori
La "Paleocity" alla Bit di Milano La "Paleocity" alla Bit di Milano Altamura si presenta con un progetto internazionale
Patrimonio culturale e museale di Altamura, una grande risorsa Patrimonio culturale e museale di Altamura, una grande risorsa Con un convegno termina la rassegna artistica e culturale "Libae"
Beni culturali, "Artlab" accende i riflettori sull’Uomo di Altamura Beni culturali, "Artlab" accende i riflettori sull’Uomo di Altamura A confronto con l'esperienza del Museo dell'evoluzione umana di Burgos
Uomo di Altamura e orme dei dinosauri, Altamura diventa "PaleoCity" Uomo di Altamura e orme dei dinosauri, Altamura diventa "PaleoCity" Una serie di incontri e iniziative dedicati alle due grandi scoperte. A confronto con Burgos (Spagna)
"Uomo di Altamura: ci preoccupa comportamento dell'Amministrazione" "Uomo di Altamura: ci preoccupa comportamento dell'Amministrazione" Intervento del consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Difonzo
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.