Domar Volley - Filanto Casarano
Domar Volley - Filanto Casarano
Volley

Domar Volley Altamura: una vittoria che “regala” una speranza

I biancorossi bloccano la serie negativa, conquistando la prima vittoria da bottino pieno nello scontro diretto contro Cosenza che regala un pizzico di tranquillità in più in vista del lungo riposo

Eccola qui. La vittoria che in tutte queste settimane è stata cercata dalla Domar Volley Altamura è arrivata al termine di una gara non adatta ai deboli di cuore in cui, fatto salvo il primo set, le due squadre hanno mollato solo con il minimo scarto tutti gli altri parziali.

Coach Paglialunga rimette in campo il palleggiatore Petronella, fuori nelle ultime apparizioni, affiancandolo all'opposto Sette, ai martelli Maiullari ed Incampo, ai centrali Lacalamita e Minenna ed al libero Disabato.

Dall'altra parte Jeroncic deve rinunciare al centrale Smiriglia, sostituito da Spadafora che assieme all'altro centrale Muccio, alla diagonale Colarusso-Di Fino, ai martelli Galabinov e Malluzzo ed al libero De Marco compone il sei più uno di partenza dei calabresi.

Totale equilibrio nelle fasi iniziali del match con le due squadre che arrivano al primo tempo tecnico con il minimo scarto (8-7). Poi, al rientro in campo, è la Domar a mettere la freccia e, grazie al suo opposto Sette, a portare il proprio vantaggio a ben 7 lunghezze (16-9 al secondo tempo tecnico). Il Cosenza non ci sta e grazie al suo elemento più prolifico di oggi, l'opposto Di Fino, rientra fino al 18-15 che impone a mister Paglialunga di fermare il gioco, da qui i biancorossi riprendono la marcia spediti verso la conquista del primo parziale, vinto per 25-20.

Il secondo set parte con lo stesso copione del primo e con le due squadre arrivate al primo tempo tecnico ancora con il minimo scarto (7-8). A rompere gli equilibri è però stavolta la squadra rossoblù che si porta avanti sul 13-10 prima e sul 20-15 dopo, in entrambe le occasioni il mister dei padroni di casa ferma il gioco. La Domar riacciuffa gli ospiti per ben due volte, poi un errore in battuta sulla palla del possibile 24 pari regala il set ai cosentini. Da segnalare l'ingresso in campo di Lomurno, poi confermato anche nei set successivi.

Gli ospiti confermano il loro palleggiatore titolare Andropoli (entrato già nel secondo set), rientrato dopo un infortunio che lo aveva tenuto fuori nella prima parte del campionato. Il terzo set, nelle battute iniziali, è la fotocopia dei primi due con le due squadre che arrivano ancora una volta sull'8-7 alla prima sosta tecnica, sebbene stavolta i biancorossi siano stati in grado di rimontare un iniziale svantaggio di 3 punti (dall'1-4). L'equilibrio in questo set permane: la Domar passa con i suoi implacabili centrali Lacalamita e Minenna, serviti ottimamente da Petronella, il Cosenza risponde con Di Fino (ben 29 punti per lui a referto!). Una girandola di cambi permette a quasi tutti gli atleti di prendere parte all'incontro. Poi, nelle fasi finali del set sembra ripetersi l'incubo delle gare precedenti con gli avversari più cinici in grado di piazzare l'allungo finale (arrivando sul 23-20), ma stavolta il copione è diverso: la Domar annulla lo svantaggio con grande cuore e, sfruttando un'ingenuità degli ospiti che regalano un'invasione proprio mentre l'Altamura stava sparacchiando fuori la palla del 24 pari e, dopo un finale al cardiopalma, conquista il set infinito per 30-28.

Il quarto set comincia con lo stesso filone dei precedenti ed ancora una volta le due contendenti arrivano al primo time-out tecnico sull'8-7. Stavolta i biancorossi sembrano tenere il pallino del gioco mantenendosi avanti di tre punti fino al 14-11, ma si vedono rimontare e superare dal Cosenza che però sul 17-19 perde Galabinov caduto male a muro ed uscito malconcio. Anziché scuotere i suoi, l'episodio regala maggiore grinta agli ospiti che addirittura arrivano a condurre fino al 22-18, poi ancora una volta il cuore dei leoni, che oggi hanno più fame di tutti, viene fuori e regala un altro finale memorabile che culmina con la conquista del 4° ed ultimo set per 28-26 e regala tre punti fondamentali per continuare a sperare in una comunque difficilissima salvezza.

Gara, come detto, vissuta all'ultimo respiro quella regalataci dalle due compagini nell'ultimo incontro che i biancorossi affrontavano nel 2012. Il Cosenza ha fatto del suo opposto un arma immarcabile ed i 29 punti finali dicono tutto. Leggermente sottotono invece l'altra punta di diamante Galabinov, al quale va un grossissimo in bocca al lupo ed un augurio di pronta guarigione.

La Domar, dal canto suo, finalmente è riuscita a scrollarsi di dosso una serie di finali di gara persi anche ingenuamente, ma soprattutto ad interrompere una serie negativa che rischiava davvero di interrompere anzitempo qualsiasi rincorsa alla salvezza. Una prova corale importante in cui si sono su tutti distinti l'opposto Sette, come detto miglior realizzatore dei suoi con 20 punti, i due centrali Lacalamita e Minenna autori di una prova maiuscola (16 e 17 punti rispettivamente per loro!) ed il palleggiatore Petronella, che, partito dopo qualche turno nuovamente titolare, ha risposto con grande carattere: 5 punti a referto per un palleggiatore non si vedono spesso (2 a muro 2 tempi zero ed un ace) ha dato fiducia alle sue bocche di fuoco al centro ed è stato ampiamente ripagato. Bene, in ogni caso, anche i due martelli Lomurno nelle fasi finali del 4° set molto concreto in attacco e muro, e Maiullari che, assieme a Disabato, ha dato un grosso contributo "dietro".

La pausa dovuta prima al riposo previsto per il turno successivo, poi alle vacanze natalizie, non deve essere però motivo di riposo mentale per i biancorossi che, nonostante la buona prova, hanno messo a terra un solo tassello del puzzle complicatissimo che porterebbe al raggiungimento dell'obiettivo stagionale. La strada è molto lunga e cadere in facili entusiasmi sarebbe l'errore peggiore.

Il sottoscritto e la società tutta coglie l'occasione con questo comunicato per fare i più sinceri auguri per le festività imminenti a tutti i lettori.

Che bel regalo, leoni!

Ilario Ninivaggi
Ufficio Stampa e Comunicazione
Domar Volley Altamura
DOMAR VOLLEY ALTAMURA- PALLAVOLO COSENZA 3-1 (25-20, 23-25, 30-28, 28-26)

DOMAR VOLLEY ALTAMURA: Petronella 5, Incampo 1, Lacalamita 16 , Sette 20 , Minenna 17, Maiullari 4, Disabato (L ), Lomurno 9,Chierico 0, Cutecchia 0, Rago(L) n.e. All. Paglialunga. 2° All Cappiello
Ace: 1, err. batt:9, muri:17, errori punto: 20
DESETACASA COSENZA: Colarusso 4, Di Fino 29; Galabinov 11; Muccio 7; Malluzzo 4; Smiriglia 1; De Marco (L); Garofalo 2; Andropoli 1; Spadafora 10; Piluso 0, : Perri 0, Esposito n.e. All. Zoran Jeroncic.
Ace: 1, err batt: 10, muri: 10, err punto: 21.
ARBITRI: Fogante Aldo e Dell'Orso Alberto.
  • Murgia Sport Altamura
  • Girone C
  • Volley maschile
  • Serie B1
  • De Seta Cosenza
Altri contenuti a tema
2 Volley Under 19, un altamurano sul tetto del mondo Volley Under 19, un altamurano sul tetto del mondo Piervito Disabato capitano della Nazionale vincitrice del titolo mondiale in Tunisia
Volley, la Marino Altamura promossa in serie D Volley, la Marino Altamura promossa in serie D La squadra guidata da Francesco Denora vince il campionato con due giornate di anticipo
Volley, la Leonessa perde in casa della capolista Volley, la Leonessa perde in casa della capolista Turno di riposo per la Murgia sport. Due successi, invece, per le squadre impegnate in 1^ divisione
Volley, tris per la Leonessa, male la Murgia Sport Volley, tris per la Leonessa, male la Murgia Sport In prima divisione la Marino Volley continua a volare
Volley, inizio d’anno da dimenticare in serie C Volley, inizio d’anno da dimenticare in serie C Bene, invece, le due squadre di prima divisione
Volley, poker di vittorie per le altamurane Volley, poker di vittorie per le altamurane L’ultimo week-end di campionato del 2014 si chiude con un en plein
Volley, cade solo la Leonessa Volley, cade solo la Leonessa Le ragazze altamurane perdono in casa contro il gioia mentre le tre squadre maschili vincono
Volley, fine settimana da dimenticare per Murgia Sport e Leonessa Volley, fine settimana da dimenticare per Murgia Sport e Leonessa Vincono, invece, le due squadre di prima divisione
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.