arresto
arresto
Cronaca

Tentato omicidio Dambrosio, in manette tre giovanissimi

Presunti esponenti di un clan mafioso emergente

Sarebbe la guerra tra clan rivali per accaparrarsi il controllo dell'attività criminale su tutto il territorio altamurano il movente che il pomeriggio del 31 luglio 2014 ha armato la mano di tre persone, ora in carcere con l'accusa di tentato omicidio.
Lo scorso luglio i tre, tutti giovanissimi, esplosero diversi colpi di pistola contro Mario Dambrosio, fratello del più noto Bartolo, freddato anche lui a colpi di pistola nel 2010.

Dopo mesi di indagini i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari nei confronti di tre uomini indiziati del tentato omicidio.
I tre sarebbero tutti esponenti del clan criminale che fa capo al 32enne Pietro Antonio Nuzzi, finito in carcere insieme a Francesco Zazzara di 21 anni e al diciannovenne albanese Eduart Mihasi.
Per tutti, oltre al tentato omicidio, è scattata anche l'accusa di aver usato metodi e finalità mafiose per eliminare fisicamente presunti appartenenti a gruppi criminali rivali e garantirsi il predominio sulle attività delittuose.
E non è tutto. Ai tre viene anche contestata la detenzione e il porto di arma clandestina per cui sarebbe coinvolta una quarta persona, fratello di Nuzzi, arrestato il 9 gennaio scorso sempre dai Carabinieri del Reparto Operativo, perché trovato in possesso di numerose armi tra cui tre pistole, un fucile a canne mozze, munizioni, droga e materiale esplodente, oltre ad una revolver Zastava calibro 357 magnum.

L'arma che, dopo un'apposita perizia disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo pugliese, è stata dichiarata compatibile con l'arma usata per commettere il tentato omicidio di Dambrosio.
5 fotoTre giovani in manette per tentato omicidio Dambrosio
foto 1 2foto 5 2foto 2 2foto 3 2foto 4 2
  • Omicidio
  • Forze dell'ordine
  • Mario Dambrosio
Altri contenuti a tema
Omicidio Cammisa, Rinaldi condannato a 25 anni di carcere Omicidio Cammisa, Rinaldi condannato a 25 anni di carcere La decisione della Corte d'assise di Bari per il presunto mandante del delitto
1 Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni L'accusa aveva chiesto l'ergastolo per Giuseppe Difonzo
Omicidio di Domi Martimucci, condanna definitiva per Berardi Omicidio di Domi Martimucci, condanna definitiva per Berardi E' considerato l'esecutore materiale poiché piazzò l'ordigno al "Green Table". Per lui 20 anni di carcere
Inchiesta antimafia "Kairos", gli arrestati salgono a 20 Inchiesta antimafia "Kairos", gli arrestati salgono a 20 In manette un complice dell'omicidio di Domenico Fraccalvieri avvenuto nel 2011
1 Due assistenti capo di Polizia Penitenziaria agli arresti domiciliari: uno è di Altamura Due assistenti capo di Polizia Penitenziaria agli arresti domiciliari: uno è di Altamura Sono ritenuti responsabili in concorso di peculato e di falsità ideologica continuati
Denunciato imprenditore per gestione illecita di rifiuti Denunciato imprenditore per gestione illecita di rifiuti Sequestrato un container diretto in Giordania contenente residui della lavorazione dei divani
23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera 23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera Responsabile di tentato furto aggravato ai danni di un cittadino di Grottole
6 Deposito della droga scoperto nel Parco Deposito della droga scoperto nel Parco L'operazione dei Carabinieri forestali
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.