Neonato
Neonato
Territorio

Parto a domicilio: presentata la proposta di legge

Sottoscritta dal Gruppo consiliare "Noi a Sinistra per la Puglia"

Il Gruppo consiliare Noi a Sinistra per la Puglia ha presentato la proposta di legge recante "Norme per la promozione del parto a domicilio e nelle Case del Parto", sottoscritta da Enzo Colonna, Cosimo Borraccino, Sebastiano Leo e Domenico Santorsola.

"Si tratta - spiegano i promotori dell'iniziativa - di una proposta di legge finalizzata a riconoscere normativamente anche in Puglia (esattamente come già accade da diversi anni in molte altre regioni italiane quali l'Emilia Romagna, il Lazio, il Piemonte, l'Umbria, le Marche e altre) la libertà di scegliere alle donne dove partorire.
Tutte le statistiche dimostrano come il parto, pur essendo un evento assolutamente e straordinariamente naturale, venga sempre più "ospedalizzato" e "medicalizzato", e la Puglia è tristemente tra le prime regioni in Italia dove si eseguono parti cesarei.
Ormai nella nostra regione un parto su due è effettuato con questa pratica chirurgica, nonostante la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità abbia evidenziato i limiti di questo tipo di intervento, rilevando altresì i vantaggi a livello psicologico e fisico, sia per la neo-mamma che per il neonato di un parto naturale che si svolga, ovviamente in condizioni di assoluta sicurezza. E il tutto senza considerare i costi molto gravosi sul bilancio sanitario dei parti cesarei che, spesso, rappresentano anche un redditizio business.
Per questo riteniamo opportuno un intervento che si proponga la de-medicalizzaione e la de-ospedalizzazione delle nascite e incoraggi e sostenga la sempre maggiore diffusione del parto fisiologico, garantendo i massimi livelli di sicurezza per la donna e per il nascituro. Per questo, in alternativa al parto in Ospedale, prevediamo una serie di iniziative per rendere effettivo il ricorso al parto a domicilio, oppure presso le 'Case del Parto', strutture extra-ospedaliere gestite direttamente dalle ASL o da privati accreditati che possano ricostruire un ambiente quanto più vicino a quello domestico o familiare, dove poter partorire in assoluta serenità.
La diffusione delle 'Case del Parto', inoltre, potrà consentire anche che si torni a nascere in quei Comuni nei quali sono stati disattivati nel corso degli anni i punti nascita a seguito della riorganizzazione dell'offerta sanitaria".
  • Regione Puglia
  • sanità
Altri contenuti a tema
Ecofeste, disco verde della giunta regionale Ecofeste, disco verde della giunta regionale Pronti finanziamenti per le manifestazioni “plastic free”
Auto è stata rubata? Il bollo sarà rimborsato o compensato Auto è stata rubata? Il bollo sarà rimborsato o compensato Approvata legge dal Consiglio regionale della Puglia
Rischio idrogeologico, Emiliano critico con il Governo Rischio idrogeologico, Emiliano critico con il Governo Per il presidente pugliese i fondi del Sud sono stati spesi per il Nord
Malattie rare, in Puglia quasi 20.000 persone Malattie rare, in Puglia quasi 20.000 persone La Regione ha creato una rete per migliorare l'assistenza
Avviso per la qualifica di Operatore socio sanitario (Oss) Avviso per la qualifica di Operatore socio sanitario (Oss) Il bando dedicato agli studenti pugliesi
Consorzi di bonifica, la Regione prende impegni Consorzi di bonifica, la Regione prende impegni Dopo la manifestazione con 200 trattori ad Altamura. Presenti sindaci di sei Comuni
Emiliano resta senza assessore all'agricoltura Emiliano resta senza assessore all'agricoltura Si dimette Leonardo Di Gioia. Tanti problemi nel settore primario
I pugliesi nel mondo ambasciatori turistici I pugliesi nel mondo ambasciatori turistici Un avviso della Regione rivolto alle associazioni riconosciute
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.