carabinieri
carabinieri
Cronaca

Omicidio Cammisa, l'uomo freddato davanti agli occhi di suo figlio

Al via le indagini per identificare l'assassino

Qualcuno ha aperto la porta all'assassino.

Al terzo piano di una palazzina popolare Iacp, in piazza Generale Alberto Dalla Chiesa, la famiglia Cammisa stava trascorrendo la serata tra le mura di casa. Francesco, un pregiudicato, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con precedenti in tema di stupefacenti, padre di un bambino di due anni, era al pc, seduto sul letto. Sua moglie, incinta, sbrigava faccende domestiche. Ore 21.30 circa, il killer suona alla porta. Con volto coperto da passamontagna entra in casa, deciso. Impugna una semiautomatica calibro 7.65. È il suo biglietto da visita. Due i colpi esplosi che hanno posto fine alla vita del 29enne, ferendolo all'addome. Freddato davanti agli occhi del piccolo, Cammisa giace in un bagno di sangue sul suo letto matrimoniale. La moglie grida, corre incontro all'assassino, ma viene scaraventata con violenza sul vano scale. E il killer scappa. Si dilegua a piedi lungo le strade periferiche del paese, rendendo ormai fantasma la sua ombra.

Una resa dei conti? Le indagini, affidate ai carabinieri della locale Compagnia e del Comando provinciale di Bari, si ramificano su ogni dettaglio e ripercorrono il crocevia di traffici e affari illeciti di una città, quella silente, che conosce anche l'odore della droga. Si scava nel passato della vittima. Sul posto anche il pm della Procura, Marcello Barbanente, e gli agenti della sezione Investigazioni scientifiche.

Si cerca ora di dare un volto e un nome all'assassino.
  • Omicidio
  • Forze dell'ordine
Altri contenuti a tema
Omicidio Cammisa, Rinaldi condannato a 25 anni di carcere Omicidio Cammisa, Rinaldi condannato a 25 anni di carcere La decisione della Corte d'assise di Bari per il presunto mandante del delitto
1 Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni Uccise la figlia di tre mesi nel sonno, condannato a 16 anni L'accusa aveva chiesto l'ergastolo per Giuseppe Difonzo
Omicidio di Domi Martimucci, condanna definitiva per Berardi Omicidio di Domi Martimucci, condanna definitiva per Berardi E' considerato l'esecutore materiale poiché piazzò l'ordigno al "Green Table". Per lui 20 anni di carcere
Inchiesta antimafia "Kairos", gli arrestati salgono a 20 Inchiesta antimafia "Kairos", gli arrestati salgono a 20 In manette un complice dell'omicidio di Domenico Fraccalvieri avvenuto nel 2011
1 Due assistenti capo di Polizia Penitenziaria agli arresti domiciliari: uno è di Altamura Due assistenti capo di Polizia Penitenziaria agli arresti domiciliari: uno è di Altamura Sono ritenuti responsabili in concorso di peculato e di falsità ideologica continuati
Denunciato imprenditore per gestione illecita di rifiuti Denunciato imprenditore per gestione illecita di rifiuti Sequestrato un container diretto in Giordania contenente residui della lavorazione dei divani
23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera 23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera Responsabile di tentato furto aggravato ai danni di un cittadino di Grottole
6 Deposito della droga scoperto nel Parco Deposito della droga scoperto nel Parco L'operazione dei Carabinieri forestali
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.