Orto in condotta
Orto in condotta
Scuola e Lavoro

I bambini... piccoli produttori di frutta e di ortaggi

Un "Orto in Condotta" presso il plesso scolastico Madre Teresa di Calcutta. Firmato il protocollo d'intesa fra Comune, Slow Food e scuola Roncalli

Il plesso scolastico "Madre Teresa di Calcutta", sito in via Minniti, ospiterà, a breve, uno School Garden. Un "orto partecipato", creato e curato "a più mani", dove bambini e insegnanti, aiutati da un nonno ortolano, potranno vedere nascere e crescere piante da frutto e ortaggi caratteristici del nostro territorio. L'iniziativa, intitolata "Orto in Condotta", era già stata anticipata da Altamuralife in un articolo dello scorso 13 marzo. Ieri pomeriggio, la firma del protocollo d'intesa fra Comune di Altamura, Slow Food ed il terzo circolo didattico "Roncalli", di cui il plesso fa parte.

Educare al gusto e ad una sana alimentazione partendo dalle fondamenta. Dalla terra stessa, madre di ogni prodotto. Il progetto School Garden, ideato dall'associazione Slow Food Italia unitamente a Slow Food Associazione Internazionale, mira proprio a tale obiettivo. L'acqua, intesa come risorsa, avrà, nell'iniziativa, un ruolo centrale. Fondamentale la collaborazione fra insegnanti, genitori e la locale condotta Slow Food, rappresentata dall'altamurano Michele Polignieri. Ingrediente essenziale, la partecipazione attiva dei bambini, che potranno mangiare i prodotti coltivati. Il Comune, infatti, oltre a partecipare alla copertura dei costi del progetto, si è impegnato a mettere a disposizione la cucina, il personale della mensa, i locali e le attrezzature del refettorio per l'assaggio e la degustazione dei piatti realizzati con gli stessi prodotti.

Slow Food organizzerà, inoltre, un corso di aggiornamento rivolto ai docenti e incontri informativi di educazione alimentare, sensoriale e del gusto con i genitori. In Puglia quella di Altamura rappresenta la terza iniziativa del progetto "Orto in condotta".

L'intesa, di durata triennale, è stata sottoscritta dal sindaco Mario Stacca e dalla dirigente scolastica Rita Antonia Carulli e sarà firmata dal presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese. Presenti, al momento della sigla, anche l'assessore alla pubblica istruzione Giovanni Saponaro, il fiduciario del progetto "Orto in Condotta" per la Puglia Michele Polignieri ed il dirigente scolastico Pasquale Castellano in rappresentanza dello Slow Food – Condotta delle Murge.

Le attività, in realtà, hanno già avuto inizio durante l'anno scolastico 2009/2010, con la consegna di due alberelli di susine a fine marzo e di cinquanta piantine di pomodoro nel mese di maggio. Proseguiranno fino al termine del triennio 2010-2013.

"Un'occasione per collaborare anche con i genitori e con i nonni", afferma la dirigente scolastica Rita Antonia Carulli, "è importante prendere spunto dai tempi della natura per cogliere il vero senso del tempo, che deve scorrere in maniera lenta e naturale rispetto al ritmo frenetico della vita di tutti i giorni".

Entusiasta del progetto si dichiara Pasquale Castellano: "L'iniziativa permetterà ai bambini di essere in contatto diretto con la Natura. Potranno seguire da vicino il ciclo di vita della pianta, dal seme al germoglio, dalla fioritura ai frutti. Il progetto, inoltre, insegnerà ai bambini a produrre e a mangiare in maniera sana, soprattutto in una società dove a prevalere è più il mercato che la qualità del cibo. Cercheremo di coinvolgere anche altri circoli didattici".

"Il progetto educativo più interessante che sia stato concepito negli ultimi anni", lo definisce Michele Polignieri, che aggiunge: "L'iniziativa intende avvicinare i bambini ai temi della gastronomia, dell'ambiente, dell'alimentazione, del consumo buono, pulito e giusto. Slow Food terrà dei corsi di aggiornamento agli insegnanti, che trasferiranno il loro sapere agli alunni".

Vincenzo Barracchia è il nonno ortolano che seguirà da vicino il progetto. Nato a Trani, vive ad Altamura da circa quaranta anni. "Un progetto positivo – secondo l'assessore alla Cultura Giovanni Saponaro - perché coinvolge i bambini in una delle più importanti fasi di crescita. Fondamentale è educarli ad una sana alimentazione, la stessa dei nostri nonni".
  • Madre Teresa di Calcutta
  • Slow Food
  • Terzo Circolo Didattico Roncalli
Altri contenuti a tema
Parco dell'Alta Murgia nella rete internazionale "slow" Parco dell'Alta Murgia nella rete internazionale "slow" Requisiti: vivere lento e cibo buono e rispettoso dell'ambiente
2 Bilancio positivo per "Ri-puliamoci": in 1000 circa hanno visitato la serra eco-sostenibile Bilancio positivo per "Ri-puliamoci": in 1000 circa hanno visitato la serra eco-sostenibile A dichiararlo è la presidente dell'Associazione altamurana Antonella Sforza
Oggi la prima festa nazionale di Slow Food Oggi la prima festa nazionale di Slow Food Anche la Condotta delle Murge organizza alcune iniziative
Nuovo plesso scolastico "Karol Woityla" Nuovo plesso scolastico "Karol Woityla" Unica scuola con sistema di riscaldamento a pavimento
Il Made in Puglia enogastronomico a Torino Il Made in Puglia enogastronomico a Torino Il prestigioso "Salone del Gusto" ospita 48 aziende tra cui alcune altamurane
Terzo Circolo "Roncalli", inaugurato l'Orto in Condotta Terzo Circolo "Roncalli", inaugurato l'Orto in Condotta I bambini... veri protagonisti del progetto
Terzo circolo "Roncalli", sabato inaugurazione dell'orto scolastico Terzo circolo "Roncalli", sabato inaugurazione dell'orto scolastico Slow Food annuncia la costituzione di un Mercato della Terra ad Altamura
Ad Altamura fa tappa il camper per la prevenzione della cecità Ad Altamura fa tappa il camper per la prevenzione della cecità Il III˚ circolo didattico "Roncalli" coinvolto nel progetto
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.