Enzo Colonna
Enzo Colonna
Ospedale e sanità

"Emergenza superata all'ospedale della Murgia grazie al lavoro di tutti"

Enzo Colonna risponde a Zullo sulla questione dei tamponi

"I dati ci restituiscono una situazione stabile e sotto controllo, dopo la "crisi" di tre settimane fa, quando fu accertata la positività al virus di tre pazienti al pronto soccorso. Pur in condizioni estremamente difficili, dinanzi ad un'emergenza di enorme portata che sta mettendo a dura prova tutto il sistema sanitario, le procedure e le iniziative dirette a preservare personale (prezioso, sempre e ora ancor più) e pazienti stanno consentendo al nostro Ospedale di essere al lavoro, assicurando servizi, prestazioni e interventi. A chi, tutti i dipendenti, con sacrificio e mille difficoltà, sta consentendo tutto questo rinnovo la mia stima e un'infinita gratitudine". Lo afferma in un comunicato il consigliere regionale Enzo Colonna (Noi a sinistra con la Puglia), in replica a Ignazio Zullo (Fratelli d'Italia) sulla questione dell'esito di tamponi effettuati il 23 marzo ad alcuni dipendenti.

"In tutto, i tamponi effettuati all'interno del Perinei, tra personale e pazienti, nelle ultime due settimane sono oltre 750. Del 90% si conosce l'esito. Un grandissimo lavoro, efficace e incisiva l'azione di controllo e monitoraggio messa in campo dalla Direzione del nostro ospedale di concerto con la Direzione della Asl e con la Regione (ringrazio tutti)", spiega ancora Colonna. L'episodio del 23 marzo, ovviamente, non è attribuibile al "Perinei". "Per poche decine di tamponi relativi a dipendenti, una minima percentuale sul totale, effettuati in un determinato giorno durante questa azione di monitoraggio - dice - si è ancora in attesa degli esiti per un ritardo determinato da una sequenza micidiale di eventi: alto numero di tamponi effettuati, sovraccarico di lavoro presso il laboratorio di Foggia a cui erano stati indirizzati, trasferimento ad un altro laboratorio, rottura di un macchinario, ecc.. Cose che non dovrebbero accadere, ma accadono, soprattutto quando tutto il sistema è in emergenza da settimane.

Ma di qua a buttare tutto al macero ne passa. I problemi si affrontano, giorno per giorno, non si sta lì alla finestra ad attendere per guardarlo passare in processione e montare una polemica senza essersi presi la briga di spiegare prima tutto quello che si è fatto e poi tutto quello che va migliorato. Il Perinei c'era e c'è, non lo si può scoprire ora. Un ospedale, come qualunque organizzazione complessa, proprio come qualsiasi organismo vivente e complesso, va alimentato e curato tutti i giorni, con dedizione e additando il buono che si fa. Così si cresce".

Quindi Colonna sottolinea il grande lavoro svolto per mettere al sicuro l'ospedale dal focolaio del Covid-19 dopo i primi casi

"Un'azione programmata e metodica di tamponi, esami e sanificazioni, effettuati procedendo progressivamente, per cerchi concentrici, via via più larghi - spiega - in altri termini, si sono fatti i tamponi al personale e agli altri pazienti che erano stati a contatto con i pazienti positivi, si è passati ai contatti di quanti, della prima cerchia di contatti, erano risultati positivi, quindi ai contatti dei contatti. E si è proceduto dando priorità alle unità e ai reparti con maggiore esposizione al rischio. Un modello, che non aveva precedenti non solo in Puglia e che ora si vuole replicare altrove, che ha consentito di circoscrivere il focolaio che si era generato tre settimane fa al pronto soccorso e che sta consentendo, con sforzi straordinari di medici, infermieri, tecnici, oss, ausiliari, di gestire l'inevitabile rischio connesso alla pandemia in corso. Ci si accorge del Perinei solo ora, invece.

Il Perinei, la cui crescita in questi anni ho seguito e la cui situazione in questa fase di emergenza sto seguendo con quotidiana e ossessiva attenzione, più o meno in pesante solitudine tra le rappresentanze politiche e istituzionali nel territorio, è qui, come ho ripetuto in queste settimane difficili, il nostro fronte, è e resterà un fondamentale presidio sanitario che dobbiamo difendere e perseverare e lì tutto il personale sta facendo un enorme lavoro, che va riconosciuto e raccontato. Tutto questo non può essere cancellato da un problema, da un inciampo, per giunta nemmeno determinato nell'ospedale", conclude.

Aggiornamento
I tamponi del 23 marzo ai dipendenti dell'ospedale sono risultati tutti negativi.
  • Enzo Colonna
  • Ospedale della Murgia
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Oggi solo due positivi su oltre 2000 tamponi
Buoni spesa, si possono presentare le domande Buoni spesa, si possono presentare le domande Sul portale del Comune riaperta la piattaforma telematica
Il Comune a caccia di risparmi, rinegoziato il mutuo Il Comune a caccia di risparmi, rinegoziato il mutuo Oggi seconda seduta del consiglio comunale
Coronavirus: distretto Murgia, unità speciale al lavoro Coronavirus: distretto Murgia, unità speciale al lavoro Per il monitoraggio dei pazienti domiciliati e di possibili sospetti
Turismo, tutto azzerato e grande incertezza Turismo, tutto azzerato e grande incertezza Nessuna prenotazione. I dati importanti del 2019 sono solo un ricordo
Ospedale della Murgia, non riparte l'attività operatoria Ospedale della Murgia, non riparte l'attività operatoria Molti pazienti attendono ancora dopo il rinvio per l'emergenza Covid19
Ospedale della Murgia, punto di riferimento come centro trombosi Ospedale della Murgia, punto di riferimento come centro trombosi Al servizio di un vasto bacino di utenza: sono seguiti 4000 pazienti
3 Coronavirus: nel distretto di Altamura parte l'unità speciale Coronavirus: nel distretto di Altamura parte l'unità speciale Per il monitoraggio delle persone in isolamento domiciliare
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.