trioamaro
trioamaro
Eventi e cultura

Suoni della Murgia 2010

Ieri sul palco il "Trioamaro". Armonium, chitarra e contrabasso per una musica "ad alta fusione"

Penultima serata di note per "Suoni della Murgia 2010" la rassegna di musica itinerante che ha coinvolto non solo la nostra città ma anche molti paesi limitrofi. Ieri sul palco allestito nell'atrio del Monastero del Soccorso, in una serata in cui un fresco venticello incrementava la pelle d'oca già alimentata dalle melodie di quella buona musica che non sempre è possibile ascoltare, si è esibito il "Trioamaro" direttamente da Trento che ha portato con sé non solo una sonorità ricercata e a dir poco bellissima, ma anche un curioso strumento, l'armonium, suonato da Roberto Segato di cui il Trentino vanta un'arte nella sua costruzione. L'atmosfera che il suo suono riportava quasi a rivivere, era quella de "Il favoloso mondo di Amélie". Se poi a questo si aggiungono i virtuosismi della chitarra suonata da Giuliano Cramerotti e del contrabasso suonato da Carlo LaManna, il risultato è a dir poco sorprendente.

Il Trioamaro, nasce nel momento in cui la loro città, Trento, è stata coinvolta, anche se di riflesso, nel doloroso circuito della guerra, quella della ex Jugoslavia. Una massa cospicua di gente si è riversata così oltre i confini della propria nazione supplicando accoglienza all'Italia. Ed è proprio in quel momento che questo gruppo di amici ha deciso di unirsi e dare voce, attraverso la musica, a questi nuovi suoni che giungevano alle loro orecchie attraverso i venti slavi, carichi di storie di dolore e testimonianze di orrori.

Molti i brani suonati ieri: il primo pezzo dedicato ad Alberto Sordi e poi No di rondine, La farfalla solo per menzionarne alcuni. I compositori hanno inoltre ringraziato la nostra regione per l'accoglienza riservatagli, per aver presentato loro tutto ciò per cui vale la pena di andare fieri e che, spesso, non viene mai fuori perché sommerso dalla cronaca, promotrice solo di altro. La carovana musicale di "Suoni della Murgia", così come l'ha definita Silvio Teot percussionista del gruppo di musica popolare altamurano Uaragniaun, terminerà domenica prossima ad Altamura proprio con la sua esibizione.
11 fotoTrioamaro
trioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamarotrioamaro
  • Uaragniaun
Altri contenuti a tema
Al via il festival Suoni della Murgia Al via il festival Suoni della Murgia Nell'atrio del GAL nove serate tra musica popolare, cinema e libri
Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese La rassegna internazionale di musica popolare compie nove anni
Pioggia d'applausi per il concerto del gruppo Uaragniaun Pioggia d'applausi per il concerto del gruppo Uaragniaun Ultima data per l'ottava edizione del festival "Suoni della Murgia"
Apertura "irlandese" per Suoni della Murgia Apertura "irlandese" per Suoni della Murgia Davy Spillane e Paul Dooley aprono la rassegna internazionale di musica popolare
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.