Uaragniaun
Uaragniaun
Eventi e cultura

Pioggia d'applausi per il concerto del gruppo Uaragniaun

Ultima data per l'ottava edizione del festival "Suoni della Murgia". Presenti due ospiti d'eccezione

Si è conclusa ieri, con il concerto del gruppo Uaragniaun, l'ottava edizione della rassegna internazionale di musica popolare "Suoni della Murgia". Il gruppo altamurano, ideatore ed organizzatore del folk festival murgiano, sa bene come coinvolgere il pubblico. D'altronde, quando a cantare sono le tradizioni, ognuno si sente chiamato in causa. Parole d'altri tempi, che provocano, in chi le ascolta, anche un po' di nostalgia. Soprattutto se quelle stesse parole sono state vissute.

Il nome del gruppo, oltre a rappresentare un progetto musicale, indica anche la località che ospita la rocca e i resti di un antico castello, attualmente visitabili in territorio di Spinazzola. La dura pietra e la silenziosa solitudine dominano un paesaggio in cui l'uomo e la terra hanno da sempre costituito un connubio indissolubile. Affiancato da costante sacrificio e da spirito d'iniziativa.

Tocchi di suono accompagnati da una scrosciante pioggia di applausi. I brani eseguiti dal gruppo Uaragniaun si fanno interpreti di una tradizione essenzialmente orale, trasmessa di generazione in generazione. Il "dialetto", in questo modo, appare intriso di storia e di storie. Alla base di ogni parola c'è, infatti, la ricerca. Senza il suo contributo, la tradizione rischia di scomparire per sempre. E se scompare la tradizione, scompaiono le origini. Un danno che non potrebbe essere riparato in alcun modo.

Nel giardino del Monastero del Soccorso, la gente non ha fatto che applaudire. Canti a distesa, tarantelle, canzoni d'amore, canti religiosi (come quello che narra di un pellegrinaggio a Picciano), ninna nanne, canti di lavoro (come quello dedicato al duro mestiere del pastore). Qualcuno del pubblico si è lasciato trascinare dalle note ed ha improvvisato la danza di una pizzica di Cisternino. La voce e la chitarra di Maria Moramarco sono state accompagnate da chitarra, bouzouki, mandoloncello, baglama di Luigi Bolognese; da tammorre, percussioni, flauti, harmonium di Silvio Teot; da zampogna, flauti dritti, quena, charango, fisarmonica, chitarra di Nico Berardi; dal sax soprano di Gianni Calia. Due gli ospiti d'eccezione della serata, entrambi baschi. Il fisarmonicista Joxan Goikoetxea e il chitarrista Balen Lopez de Munain.
23 fotoSuoni della Murgia 2010
UaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaunUaragniaun
  • Suoni della Murgia
  • Uaragniaun
Altri contenuti a tema
Al via il festival Suoni della Murgia Al via il festival Suoni della Murgia Nell'atrio del GAL nove serate tra musica popolare, cinema e libri
Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese Suoni della Murgia 2011, intervista a Luigi Bolognese La rassegna internazionale di musica popolare compie nove anni
Suoni della Murgia 2010 Suoni della Murgia 2010 Ieri sul palco il "Trioamaro"
Apertura "irlandese" per Suoni della Murgia Apertura "irlandese" per Suoni della Murgia Davy Spillane e Paul Dooley aprono la rassegna internazionale di musica popolare
Musica da tutto il mondo anima la Murgia a luglio Musica da tutto il mondo anima la Murgia a luglio VIIIª edizione della Rassegna Internazionale di Musica Popolare
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.