Assistenza domiciliare
Assistenza domiciliare
Ospedale e sanità

Piano sociale di Zona: tanti i Comuni Inadempienti

La denuncia del Movimento Cinque Stelle

A dicembre 2017 la Giunta regionale ha approvato il Piano Regionale delle politiche sociali 2017-2020, che scandiva anche i tempi di adempimento delle procedure per Comuni e ambiti territoriali. I consiglieri del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia, Gianluca Bozzetti e Marco Galante hanno presentato un'interrogazione diretta al presidente Emiliano e all'assessore al Welfare Ruggeri per avere contezza di quanti e quali Comuni e ambiti risultino ancora inadempienti, nonostante siano scaduti i termini per la predisposizione dei Piani, e conoscere i motivi per i quali la Regione non abbia ancora attivato i poteri sostitutivi e se intenda farlo.
"Nonostante i termini siano scaduti da mesi - spiegano i consiglieri cinquestelle - la Regione rimane immobile. Molti comuni e buona parte degli ambiti territoriali pugliesi ignorano le scadenze prefissate dalla delibera, mentre il Governo pugliese non applica i suoi stessi regolamenti e non esercita i poteri sostitutivi previsti in caso di mancato adempimento degli Ambiti territoriali sociali entro 90 giorni dalla pubblicazione della delibera sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, avvenuta lo scorso 26 gennaio".


Nella delibera è espressamente specificato che: "Dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia della presente deliberazione di Giunta Regionale con l'approvazione del Piano Regionale delle Politiche Sociali 2017_2020 decorrono i 60 giorni entro i quali l'Ambito territoriale sociale con il suo Ufficio di Piano elabora la proposta di Piani sociale di Zona." Se entro i 60 giorni non è attivata la fase istruttoria, "la Giunta Regionale diffida l'Ambito ad adempiere entro i successivi 30 giorni dall'atto di diffida. Disattesa la diffida, la Giunta Regionale nomina un commissario ad acta per la predisposizione del Piano sociale di Zona e la indizione della Conferenza di Servizi".

"Ci sono Comuni che hanno solo iniziato a predisporre i Piani sociali di Zona - incalzano i pentastellati - ad esempio il Comune di Bari è fermo alla fase di partecipazione e progettazione con l'organizzazione di 5 incontri tra febbraio e aprile 2018 di cui non si conoscono esiti e determinazioni. Date le tempistiche, oggi il Comune di Bari dovrebbe avere un commissario ad acta per portare a termine la procedura. Anche Brindisi, Fasano, Francavilla Fontana e numerosi altri comuni pugliesi tra maggio e giugno sono in netto ritardo nell'approvazione del piano di zona".
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.