Deposito nucleare, la mappa
Deposito nucleare, la mappa
Territorio

Deposito nucleare, inizia il lavoro per le osservazioni da presentare

Incontro a distanza fra Parco, Comuni e Regione. Con Basilicata un fronte comune

Tutti hanno detto no al deposito nazionale nucleare nell'area murgiana. Ma la partita vera si gioca sulle carte. Entro 60 giorni dalla pubblicazione della Cnapi - carta nazionale della aree potenzialmente idonee - bisogna presentare alla Sogin (società di gestione degli impianti nucleari) le osservazioni e le proposte nell'ambito della procedura di consultazione pubblica iniziata il 5 gennaio.

Non c'è tempo da perdere ma soprattutto bisogna svolgere un attento lavoro tecnico. In parallelo si sta pensando a manifestazioni di protesta e mobilitazioni ma in periodo-Covid non è semplice organizzarle.

Con l'ufficializzazione della Cnapi, si è appreso che nell'area murgiana i luoghi ritenuti idonei sono tre: due ad Altamura, lungo la direttrice per Laterza, in "condivisione" con il territorio di Matera; uno a Gravina, a ridosso del bosco Difesa Grande. Perché queste aree? La scelta non è avvenuta per discrezionalità politica bensì esclusivamente su base tecnica. E quindi è su questo piano che bisogna rispondere. I tempi e le modalità sono scanditi dal D.L. (decreto legislativo) 31/2010.

Questa mattina si sono riuniti online i tredici sindaci dei Comuni del Parco convocati dal presidente Francesco Tarantini. All'incontro hanno partecipato anche Anna Grazia Maraschio, assessore regionale all'Ambiente; Francesco Paolicelli, presidente della Commissione consiliare regionale all'Agricoltura, Sviluppo Economico e Turismo; Franco Frigiola, sindaco di Laterza; Antonio Stragapede in rappresentanza dell'area metropolitana di Bari; Giuseppe Mastronuzzi, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell'Università degli Studi di Bari.

«Il Parco darà il suo contributo con la costituzione di un pool di esperti formato da naturalisti e geologi dell'Università di Bari, già all'opera nello studio delle componenti ambientali e geologiche del territorio nell'ambito della candidatura a Geoparco Unesco – dichiara Francesco Tarantini, presidente del Parco –. Fondamentale in questa prima riunione è stato definire una roadmap per l'elaborazione delle osservazioni da fornire a Regione e Comuni interessati, per motivare tecnicamente e scientificamente le ragioni del no al deposito di rifiuti».

Un ulteriore freno al deposito potrebbe essere il regolamento delle aree contigue previsto dalla Legge Quadro sulle Aree Protette, strumento che permetterebbe di tutelare e valorizzare nel concreto i territori limitrofi del Parco. A tal fine nuove riunioni sono previste nei prossimi giorni tra Ente Parco e Regione per definire quanto prima la sua approvazione.
  • Nucleare
Altri contenuti a tema
Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale Ad ottobre è prevista la sessione per Basilicata e Puglia
Nucleare: i tre consigli comunali ufficializzano il 'no' al deposito Nucleare: i tre consigli comunali ufficializzano il 'no' al deposito Alla riunione a Gravina sono state approvate le osservazioni
Deposito nucleare, approvate osservazioni per escludere Altamura dalla mappa Deposito nucleare, approvate osservazioni per escludere Altamura dalla mappa Sabato a Gravina si riuniscono i consigli comunali di tre Comuni
Deposito nucleare, convocato il consiglio comunale Deposito nucleare, convocato il consiglio comunale Per l'approvazione delle osservazioni contro la realizzazione
"Deposito nucleare: sei grandi errori nella procedura" "Deposito nucleare: sei grandi errori nella procedura" Il WWF nazionale presenta un documento di osservazioni
Deposito nucleare, aumentano i no in Puglia Deposito nucleare, aumentano i no in Puglia Dopo Altamura e Gravina arrivano le delibere di Laterza e Trani
No al deposito nucleare, la mobilitazione continuerà No al deposito nucleare, la mobilitazione continuerà Il movimento di Puglia e Basilicata pronto a presentare le osservazioni
1 Nucleare, i siti tra Altamura e Matera "non idonei" Nucleare, i siti tra Altamura e Matera "non idonei" Ufficiale il "no" della Basilicata e riguarda pure quelli al confine di regione
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.