bambini
bambini
Territorio

Riabilitazione, le famiglie insistono per la libertà di cura

Incontro al Comune con il comitato. Si mobilita il mondo politico

L'intero mondo della politica e delle istituzioni si mobilita a sostegno delle famiglie dei bambini in trattamento ambulatoriale riabilitativo presso due centri di Matera. A rappresentarle ad Altamura e negli altri Comuni è il comitato "Genitori Speciali".

Con la modifica al regolamento regionale si teme la sospensione dei programmi terapeutici riabilitativi, per i pazienti disabili adulti e minori. Sono 261 le famiglie di Altamura, Gravina in Puglia, Santeramo in Colle e Poggiorsini che non vogliono interrompere l'attuale percorso con i terapisti a cui sono affidati bambini. Invece rischiano il trasferimento dai centri materani in altre sedi pugliesi molto più distanti dai Comuni di residenza, andando ad appesantire le liste d'attesa già congestionate.

Sulla questione ieri si è tenuto un incontro a Palazzo di Città che ha visto la partecipazione della sindaca Rosa Melodia, dell'assessore Annunziata Cirrottola, dei consiglieri Maria Carmela Longo, Marco Rifino e delle referenti del comitato Mary Cristallo ed Evita Salvaggiulo.

Inoltre l'Unità Operativa Semplice di Neuropsichiatria dell'Infanzia dell'Asl in una nota ha comunicato ai dirigenti scolastici dei Comuni dell'ambito territoriale di non ritenere più autorizzati i trattamenti riabilitativi effettuati presso gli istituti scolastici da operatori sanitari in convenzione, in questo modo "negando il prezioso lavoro svolto fino ad ora in sinergia con le strutture scolastiche, vero modello di integrazione", sottolinea l'amministrazione comunale.

La sindaca Rosa Melodia ha dichiarato: «Il nostro unico interesse è quello di garantire il diritto alla salute, costituzionalmente riconosciuto, alle bambine ed ai bambini con disabilità. Il compito delle istituzioni è anche quello di garantire la qualità della vita ai genitori che hanno organizzato l'intera esistenza intorno alle esigenze dei propri figli. Cambiare i piani terapeutici, le sedi e gli specialisti, significa interrompere quei rapporti di familiarità e di fiducia consolidati nel tempo. Sono sicura che il Governatore Emiliano farà chiarezza su questa incerta situazione».

Le famiglie rivendicano il diritto alla libertà della scelta di cura.
  • Bambini
Altri contenuti a tema
Inaugurata una nuova comunità educativa per minori Inaugurata una nuova comunità educativa per minori "Una vita a colori" accoglie bambini e ragazzi fino alla maggiore età
Aumenta la povertà educativa, troppi bambini restano indietro Aumenta la povertà educativa, troppi bambini restano indietro Un piano regionale per contrastare il fenomeno, in peggioramento
Educazione dei minori, Comune aderisce a bando nazionale Educazione dei minori, Comune aderisce a bando nazionale Pubblicato un avviso per collaborazioni private e pubbliche
Laboratori didattici al centro visite di Lamalunga Laboratori didattici al centro visite di Lamalunga Per scoprire i segreti dei minerali, dei fossili e dell'argilla
1 "La riabilitazione non viene fatta, trattati da famiglie di serie H" "La riabilitazione non viene fatta, trattati da famiglie di serie H" Disabilità grave, l'appello di un padre alla Regione e alla Asl
Didattica a distanza, donati tablet e pc Didattica a distanza, donati tablet e pc Ad altre famiglie che ne avevano necessità. Iniziativa di tre associazioni
Riabilitazione dei "bambini speciali", la Asl avvia le verifiche Riabilitazione dei "bambini speciali", la Asl avvia le verifiche I genitori sono molto preoccupati. L'azienda garantisce la continuità terapeutica e nuove assunzioni
Assistenza di riabilitazione, assemblea dei "genitori speciali" Assistenza di riabilitazione, assemblea dei "genitori speciali" C'è paura per la continuità dei trattamenti e si teme di dover spostare i bambini altrove. La Asl risponde
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.