Ulivi Gelati
Ulivi Gelati
Territorio

Gelate: dal 7 gennaio si può presentare richiesta di contributo

Coldiretti Puglia: “In ginocchio olivicoltura pugliese. Emergenza nazionale”

Dal 7 gennaio sarà possibile presentare la richiesta di contributo per i danni da gelate del 2018 che hanno mandato in fumo l'olivicoltura pugliese. E' il primo effetto della 'mobilitazione Salvaolio' di Coldiretti Puglia che, dopo la manifestazione del 31 dicembre a Bari, si sposterà a Roma l'8 gennaio per ottenere dal Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale. "Come promesso dall'Assessore regionale Di Gioia il 31 dicembre, la modulistica è già a disposizione degli uffici Coldiretti.

E' un primo atto concreto per accelerare la concessione del contributo per i danni da gelate, attivabile grazie alla legge approvata in fase di assestamento di bilancio", dichiara il Presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. "Nel corso dell'incontro con la delegazione di Coldiretti, l'Assessore Di Gioia ha garantito che, se mai i fondi nazionali non fossero sufficienti nonostante il riconoscimento della calamità, andrà a rimpinguare con risorse regionali il capitolo di spesa aperto a luglio, su richiesta di Coldiretti Puglia con una legge ad hoc che dispone di 1milione di euro, al momento assolutamente insufficiente a far fronte anche in mini parte al danno", conclude Muraglia.

"La Regione Puglia alla delegazione - spiega il Vicepresidente di Coldiretti Puglia, Alfonso Cavallo, a capo della mobilitazione a Bari - ha ribadito che il grave problema delle gelate in Puglia va gestito con la dichiarazione dello stato di calamità che è di competenza nazionale, perché l'agricoltura pugliese ha la stessa dignità delle altre regioni". Nel 2018 la Puglia ha perso "317 milioni di euro di Produzione Lorda Vendibile del settore oleario e oltre 1 milione di giornate risultano azzerate - conclude il Presidente Cavallo - mentre il settore olivicolo e l'intero indotto non sanno come andare avanti da gennaio a settembre sono stati importati 304 milioni di euro di olio dall'estero".

E' forte la preoccupazione del moltiplicarsi di frodi e speculazioni, con olio di bassa qualità venduto come extravergine o olio straniero spacciato per italiano - aggiunge Coldiretti Puglia - bisogna stringere le maglie della legislazione per difendere un prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea e togliere il segreto sulle importazioni di materie prime alimentari dall'estero perché sapere chi sono gli importatori e quali alimenti importano rappresenta un elemento di trasparenza e indubbio vantaggio per i consumatori e per la tutela del 'made in Italy' agroalimentare.

L'Italia è anche un grande Paese consumatore con gli acquisti di olio di oliva a persona - aggiunge Coldiretti - che sono attorno ai 9,2 chili all'anno, dietro la Spagna con 10,4 chili e la Grecia che con 16,3 chili domina la classifica. Secondo un'indagine Ismea 9 famiglie su 10 consumano olio d'oliva tutti i giorni, nel rispetto di uno stile alimentare fondato sulla dieta mediterranea che ha consentito al Belpaese - conclude Coldiretti - di conquistare primati mondiali di longevità, tanto che la speranza di vita degli italiani è salita a 82,8 anni, 85 per le donne e 80,6 per gli uomini.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.