documenti
documenti
La città

Piazza Matteotti e la storia di un castello sotto il suo suolo

L'arch. Perrucci riprende una antica documentazione. E la invia alla Soprintendenza pugliese

Parte dall'interessamento dell'architetto altamurano, Nunzio Perrucci, uno sguardo al passato di piazza Matteotti. Luogo che nasconde antiche storie e che potrebbe raccontare qualcosa di più circa un castello medievale che giacerebbe sotto il piazzale. A testimoniarlo è una pianta della metà del 700 che riporta il rilievo delle fondamenta del castello ed è firmata dall'architetto Donato Giannuzzi, altamurano, attivo negli anni 1740-50.

"Il progetto – così come spiega Perrucci - mostra un impianto di fabbrica di forma perfettamente rettangolare di lato ml.67x55. Il lato lungo coincide esattamente e per tutta la sua lunghezza con l'attuale fabbricato prospiciente l'odierna via S. Teresa, mentre il cortile interno aveva una dimensione di ml. 38x25". Ora i documenti sono oggetto di studio del prof. Giuseppe Pupillo, uno studioso locale. Lo stesso Perrucci ha inviato alla Soprintendenza della Puglia, alla direzione del Museo Archeologico di Altamura e al sindaco Mario Stacca tutta la documentazione perché si faccia luce sulla questione che, in realtà, già nel 2008, fu affrontata in occasione del dibattito cittadino sul progetto, da attuare proprio in piazza Castello, del parcheggio di tre piani interrati (Project Financing), poi bocciato.

Piazza Matteotti rientra nell'elenco dei luoghi da ristrutturare nel programma "Rigenera Altamura", finanziato dalla Regione e dal Comune per un totale di circa 7milioni di euro. Qui, i dettagli.

In allegato, la sovrapposizione del rilievo effettuato negli anni 1740-1750 dall'architetto Donato Giannuzzi di Altamura, sovrapposto allo stralcio aerofotogrammetrico.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.