fbc-albano
fbc-albano
Calcio

La zampata di Albano regala il derby alla Fbc Gravina

Trionfo gialloblù al D’Angelo contro un’ottima Fortis Altamura

Termina come all'andata il derby delle Murge tra Fortis e FBC e, come al Comunale di Gravina, è ancora Diego Albano a firmare il successo gialloblù.

Match disputatosi in un clima solidale, con le due tifoserie particolarmente unite dopo i fatti relativi all'attentato di largo Nitti che hanno spiacevolmente coinvolto, tra gli altri, anche Domenico Martimucci, ex calciatore di Fortis e FBC.
Le importanti assenze dell'infortunato Chiaradia e degli squalificati Scaringella e Silvestri costringono Loseto a schierare una formazione rimaneggiata con Lasalandra terzino sinistro, Millan interno di centrocampo e Cardano esterno sinistro. Dall'altra parte, mister Denora manda in campo una formazione giovanissima, in virtù dei 5 under schierati (Giannuzzi, Giaconelli, Ardino, Calderoni e Valerio), e a dimostrazione del progetto fresco e dinamico che la Fortis Altamura ha deciso di intraprendere in ottica futura.
Allo stadio "Tonino D'Angelo" si è assistito ad una partita giocata egregiamente da entrambe le squadre. Una gara risolta - come spesso capita in gare così equilibrate - da un rete su palla inattiva al 21', minuto in cui Albano è stato lesto a raccogliere il delizioso invito su punizione di Giuseppe Cardano. Alla Fortis non è bastato aver disputato un buon secondo tempo per acciuffare il pareggio. Con qualche occasione sfumata sia da una parte che dall'altra – vedi Ardino e Gilfone a metà del secondo tempo - l'incontro si è concluso con la vittoria di misura del collettivo gravinese che, nonostante una partita ancora da giocare, continua a mantenere invariate le distanze da Bisceglie (+3) e Corato (+4).

(a cura di Menico Gasparre)
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.