Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Auto rubata ad Altamura usata dalla banda del bancomat

Nella notte commesso un furto a Bernalda. Veicolo lasciato durante l'inseguimento di Carabinieri e Polizia

Nella notte, intorno alle 4.00, presso la filiale della Banca Monte dei Paschi di Siena di Bernalda una banda ha portato via la cassa bancomat dopo aver utilizzato esplosivo. Per il colpo e per la fuga sono state utilizzate anche due autovetture che sono state rubate ieri ad Altamura e Santeramo e sono state lasciate dai ladri durante un inseguimento da parte di Carabinieri e Polizia.

La banda è riuscita a sfuggire alla cattura dopo essere stata intercettata dai Carabinieri e dalla Polizia del commissariato di Pisticci. Lungo la ex strada statale 175, all'altezza dello svincolo con la sp 2, in località ''Selva Piana'', sono state intercettate tre autovetture che procedevano a forte velocità, incolonnate. Ne è nato un inseguimento.

I malfattori hanno posto uno dei veicoli di traverso sulla sede stradale per impedire il transito alla Volante. Come deterrente le forze dell'ordine hanno esploso tre colpi di pistola in aria. Nel frattempo i Carabinieri inseguivano un altro veicolo che nella folle velocità è uscita di strada. In entrambi i casi gli occupanti sono fuggiti a piedi nelle campagne.

Si è accertato che i due mezzi erano rubati il giorno prima, ad Altamura (una Fiat Panda di colore bianco) e Santeramo. Sui due veicoli ora sono in corso le attività di polizia scientifica per recuperare eventuali elementi riconducibili alla banda.

Questi due furti nell'area murgiana barese fanno ritenere, in prima ipotesi, che la banda provenga dalla Puglia anche se bisogna individuare da quale territorio.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.