Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

AAA cercasi insegnati nelle scuole del Sud

Pisicchio: Tornino a casa i nostri docenti trasferiti al Nord”

"Lo avevamo previsto in tempi non sospetti: in Puglia e più in generale al Sud servono insegnanti".
Sono parole dure quelle che il presidente della commissione regionale per l'istruzione, Alfonzo Pisicchio rivolge contro il Governo e l'ultima riforma della scuola che ha imposto il trasferimento di molti insegnati meridionali nelle regioni del Nord.

"Quando è ormai palese, dopo mesi dall'avvio dell'anno scolastico, che anche le scuole del Sud hanno bisogno di docenti e che da più parti, ormai da tempo, si continuano a denunciare disservizi molteplici a seguito di carenza di professionisti soprattutto con le abilitazioni del sostegno didattico, è ora lo stesso Renzi che affida agli organi di stampa note in cui dichiara che con il tempo pieno si potrebbe permettere il rientro dei docenti assunti con la riforma e oggi bloccati al Nord e permettere nuove opportunità di scolarizzazione per gli studenti meridionali.
Le parole di Renzi poi, si sommano a quelle della direttrice generale dell'Usr, l'Ufficio scolastico regionale Puglia, Anna Cammalleri, la quale, a più riprese, ha affermato che ad oggi le scuole della nostra regione sono in cerca di docenti per occupare le cattedre soprattutto di sostegno. E che a seguito di questa ricerca disperata di insegnanti, si attingerà dalle graduatorie di istituto di docenti privi di abilitazione".
Un paradosso, che ha tutti i caratteri di una nuova emergenza per il Sud d'Italia.

"Come si può permettere in uno stato di diritto, che oltre 3 mila e 200 docenti pugliesi nel bel mezzo della loro carriera professionale, con un'età media di 45 anni e con mille oneri familiari, di punto in bianco debbano lasciare la loro terra e le loro famiglie per lavorare al Nord quando il Sud è ancora alla disperata ricerca di insegnanti? Una vera e propria assurdità se poi il problema lo accostiamo ai dati del lavoro sempre fortemente negativi del Sud con la particolarità che i docenti da riportare in regione sono per oltre l'80% donne" attacca Pisicchio.

"È ora che anche nella scuola si faccia squadra insieme alla politica locale ed alle istituzioni pugliesi. In Puglia dal 21 luglio scorso abbiamo approvato all'unanimità in consiglio regionale una mozione che ha anzitempo previsto la diaspora dei nostri professori. Con il nostro documento, supportato da tutte le anime politiche del consiglio regionale, abbiamo chiesto tutele per la scuola pugliese a vantaggio di tutti, perché se in Puglia si richiede più scuola, certamente non si lascia indietro nessuno, dai docenti assunti con il piano straordinario, e ora alla disperata ricerca di una cattedra in Puglia, ai docenti precari delle Gae (le graduatorie ad esaurimento) e delle graduatorie di istituto".

"Noi, prima di tutti, avevamo intuito che la vera buna scuola è quella che crede nel futuro delle nuove generazioni ed investe in esse con più tempo pieno, meno classi pollaio, piani di recupero e potenziamento dei ragazzi in difficoltà, valorizzazione delle eccellenze, trasformazione degli organici per un maggiore equilibrio nelle istituzioni scolastiche locali. Ci fa piacere che il premier Renzi se ne sia reso conto, ma adesso è anche arrivato il momento che le promesse e le ragionevoli osservazioni possano finalmente trasformarsi in realtà e in una maggiore serenità per le scuole, per gli studenti e per gli stessi docenti. Un terzo "annus horribilis" per la scuola e i docenti non sarebbe tollerabile" conclude Pisicchio.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.