Strada di collegamento
Strada di collegamento

Viale Padre Pio, "una maledetta strada"

La segnalazione di un lettore

Vorrei segnalare al Comune di Altamura, al Sindaco, alla polizia municipale, carabinieri e guardia di finanza l'inaccettabile situazione delle arterie di collegamento al centro cittadino, ovvero viale Padre Pio e lo "stradone" che congiunge via Corato a piazza Stazione.

Ogni sera dalle 21.00 in poi, toccando l'apice verso le 22.30, ma anche verso le 13.00, è un continuo via vai di automobilisti e giovani motociclisti poco diligenti che percorrono quelle strade ad una velocità abbastanza sostenuta, sfiorando quasi sicuramente più di 100 km/h mettendo in pericolo la vita di tanti corridori che ogni giorno percorrono quella strada. E ricordiamoci che quella strada è stata diverse volte teatro di incidenti mortali.

Che fine hanno fatto i controlli da parte della polizia locale qualche giorno dopo la morte del giovane studente gravinese deceduto qualche mese fa mentre si recava a scuola? Gli agenti, qualche giorno dopo il triste evento, avevano installato su quella strada in due punti autovelox mobili per "spaventare un po' la gente". Il tutto durato non più di quattro giorni. Ritengo che su quella "maledetta" strada, dovrebbero esserci più controlli da parte delle forze dell'ordine che sembrano quasi assumere un atteggiamento di menefreghismo. Invece di effettuare posti di controllo, in pieno centro cittadino (per esempio in piazza Zanardelli o porta Matera), che ne dite di cambiare "queste abitudini" e trovare magari una soluzione su quella strada?

Mi rivolgono in particolar modo alle forze dell'ordine: Sarebbe necessario effettuare posti di controllo e redigere verbali, visto che la gente solo così si spaventa raggiungendo un comportamento più adeguato.

Pietro Marvulli
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.