Altamura in versi

Premio nazionale “Le Esperidi”, al primo posto un altamurano

Michele Micunco conquista la giuria con la poesia Razejelle

Nell'ambito delle celebrazioni per la Giornata Internazionale della Donna, il Coordinamento Donne Spi Cgil di Grottaglie, in collaborazione con il Caffè Letterario "La Luna e il Drago", ha indetto la 1° edizione del premio nazionale "Le Esperidi". Al concorso ha partecipato anche l'altamurano Michele Micunco, che si è classificato al primo posto con la poesia in vernacolo Razejelle (Graziella). Tema da affrontare, l'essere donna nella "età delle scelte", con il futuro ancora da inventare. Un viaggio, dunque, nel variegato universo femminile, con le sue storie ed emozioni, con momenti di vita reale, sogni, progetti, aspettative.

Il concorso prevedeva due sezioni, poesia edita e/o inedita (per autori di ogni età, nazionalità o sesso) e lavoro di gruppo (opera edita e/o inedita nella forma del saggio o dossier, sezione riservata ai Coordinamenti Donne Spi Cgil dislocati su tutto il territorio italiano). Le Esperidi, nome che dà il titolo al concorso, sono figure mitologiche greche con il compito di custodire l'albero che dava mele d'oro, dono di Gea per le nozze di Zeus con Era. Vengono collegate al tramonto, quando i colori che assume il cielo ricordano quelli di un melo carico di frutti dorati.

Riportiamo di seguito la poesia vincitrice in vernacolo altamurano (nel box di approfondimento, la versione italiana).

Razejelle

Ne ialzemme stimma stante
Come sembe e' quatte de notte
Ierre, m'arrecorde nu venerdì,
fore na negghia butteine
abbugghiaje i luscie e la streite
ierre preste pe fè dì
m'arrecorde come 'nge fuesse mò
ca pure ca tenive l'occhiere de lu sènne
che lu vuelte a rise coma na creiature
m'accarezzeste i prime capidde bianghe.
A chedda vanne i uagnune durmuaine angore
Pe lore ierre prèste pe gì alla scole.

Razejèlle berafatta
chedda matìne, ierre u maise d'ottobre
stìve a preparè latte e cafè
jè te vulàje abbrazzè
prime de scì a venemè
ma tu, come tutte li dì, aviva fùscie
come sèmbe, da tant'anne.
La machene de lu capurèile te stàje ad'aspettè
ìnde stàine li tuò cumbàgne pe gì a fatijè
luntèine da caste, chedda matine a Policoro.

Come fusciàje lu capurèile che la màchene ,cìtte cìtte de nòtte
na n'arreivàime mè,avaje do iore ca n'avàime abbejeite
doppe qualche paraule e nu buongiorno sckitte,
durmuàine tutte come sembe
e ascunnàine accuscelèite u sènne
che li capere appuggièjte o' vitre fridde,
sobbè sedili rusuchuèite do' timpe
e na' puzze di benzìne e rumuèite sicche ,lèrcie
ienghiaine achessì de penzirre e de nu pìcche de calle
chedda skatele de sperànze e di fatì.

Paràje na rèisce de sàule
Chedda lùscie de lu fanèile m'nza la strèite
E naùne, ièrre u ràscke de la morte
ca stàje avuantè cudde pugnùne de fèmene
pe nesciùnne de loro rumanì
nu penzìrre, nu mumènte
pe n'ultema trementute o'cìlle, o' saule ca assaje
e u' senne tù, se stutò astimma stante

Razejelle, mo tinne ù culàure de la lùne
Pedda frèdde coma la nàive quanne' u mùnne je cìtte
Vicìne a tutte chidd'àlte dulùre senza culàure
Senza chiù na rìse
Te vègne rèite chi recuèrde
Pe na scurdè li sònnere taje rumuese sciusciete
chidde ca a' lasseite sobbo'vitre angore appannèite
Da na vìte senza pejetè
Chèdda fatta de dì senza na stòrie
Aqquanne na rìsa stànghe
Iènghjàie chessa chèise , ca mò jè sckìtte la nòste
Senza taje vicìne a màje
Razejèlle, statte bòne, core mì.

Michele Micunco
Graziella

Ci alzammo insieme dal letto
come sempre alle quattro di notte
Era, ricordo, un venerdì
Fuori una nuvola di nebbia
nascondeva, le luci e la strada
Era ancora presto per fare giorno
mi ricordo ancora, come fosse ora
che anche se avevi gli occhi stanchi
mi sorridesti come una bambina
carezzando i miei primi capelli bianchi
nell'altra stanza i ragazzi dormivano
era troppo presto per loro,
per i nostri figli, andare a scuola.

Graziella, quanto eri bella
quella mattina di ottobre
mentre preparavi il latte e il caffè
ti avrei voluto abbracciare
prima di andare a Vendemmiare
ma, come tutti i giorni, dovevi correre,
così come da tanti anni, troppi, anni
il furgone del caporale ti stava già ad aspettare
insieme alle compagne per andare a lavorare
Lontano da casa, quella mattina a Policoro

Correva il furgone fra il silenzio della notte
Un viaggio infinito di quasi due ore
Poche parole, un solo buongiorno
Dormivano tutte mentre si andava via
e come sempre, ogni giorno da anni
Nascondevano rannicchiate il proprio sogno
Le teste appoggiate al vetro freddo
Strette fra sedili consumati dal tempo
e il puzzo del gasolio e terra secca
Riempivano così di vita e un piccolo tepore
Quel piccolo mondo di speranze e fatica

Sembrava il primo raggio di sole
Quel faro improvviso in mezzo alla strada
Invece era il graffio della morte che
Colpiva al cuore quel pugno di vite
Non restò per nessuno di loro
nemmeno un attimo, un pensiero
Per un ultimo abbraccio dei loro occhi
Per un ultimo sguardo al cielo dell'alba
E anche il tuo sogno, si spense di colpo

Graziella, ora sei un raggio di luna
pelle fredda come neve silenziosa
accanto a cumuli di altri pallidi dolori
senza più il tuo sorriso da raccontare
provo ancora a seguirti con i ricordi
per non dimenticare i tuoi sogni aperti
quelli lasciati sul vetro ancora appannato
dalla nebbia e dalla vita spietata
quella fatta di giornate senza storie
dove solo un piccolo sorriso stanco
riempiva le stanze di questa casa
adesso solo nostra
senza te a me vicino
Graziella, addio, amore mio.

Michele Micunco
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    AltamuraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.